Prima storica risoluzione parlamento. Il legislatore italiano faccia il suo
politica

Prima storica risoluzione parlamento. Il legislatore italiano faccia il suo

“Storico voto della plenaria di Strasburgo sui diritti delle persone intersex. La risoluzione approvata ieri dal Parlamento Europeo denuncia le violazioni dei diritti umani delle persone intersessuali e chiede alla Commissione e agli Stati membri di intervenire per garantire il diritto all’integrità fisica e all’autodeterminazione. L’Italia è tra i 21 Paesi UE senza una normativa adeguata in materia – dice Leonardo Monaco, segretario dell’Associazione Radicale Certi Diritti – Camera e Senato si sentano chiamati in causa e prendano a modello le legislazioni maltesi e portoghesi, pioniere nella tutela dei diritti dei bambini intersex: subito nuove linee guida sugli interventi genitali neonatali e un monitoraggio nazionale sulle nascite intersex, per la creazione di una letteratura casistica che aiuti la conoscenza e il miglioramento delle condizioni di vita delle persone intersex in Italia e in Europa.”

Gli intersex sono persone che nascono con caratteristiche sessuali (cromosomi, genitali, o struttura ormonale) che non appartengono strettamente alle categorie maschio o femmina o che appartengono a entrambe. Spesso i bambini intersessuali vengono sottoposti a interventi chirurgici di ‘normalizzazione’ sessuale senza che vi sia la loro piena consapevolezza sugli effetti delle operazioni e dei trattamenti.

“Per il raggiungimento di questo risultato si deve dare merito alla perseveranza dell’Intergruppo LGBTI, il più grande del Parlamento Europeo, coordinato dall’europarlamentare italiano Daniele Viotti (S&D) e dalla verde Terry Reintke“, aggiunge Monaco.

L’anno scorso, congiuntamente a OII Italia e con il prezioso sostegno di ILGA Europe, Certi Diritti ha lanciato in Italia la campagna Io Sono Intersex: un video e un portale informativo dove Intersex, genitori, medici, giornalisti e confusi possono trovare informazioni utili per conoscere e orientarsi.

Fonte: Certi Diritti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.