Sport
  • Maggio 20th, 2019

Vi proponiamo questo evento sportivo, piccolino, tanto coccolo ma pieno zeppo di significato, un vero esempio di inclusività. Bravissima Veronica di Chimera Arcobaleno che ha fatto “cronaca sportiva” molto bene, ben fatto all’amministrazione (non conosciamo la corrente politica) la quale ha dato esempio lampante di civiltà, meglio prendere esempio. Brava sindaca Menchetti, prima o poi la contatteremo per intervistarla, ed ora vi lasciamo al sunto di ciò che è successo. Redazione lgbtitalia.it

BorgoRosso

Sabato 18 maggio scorso alle 18, presso la palestra comunale di Badia al Pino (AR), si è tenuto l’evento “Tutt* in campo”, promosso dal Comune di Civitella in Val di Chiana (AR) e realizzato in collaborazione con l’associazione Chimera Arcobaleno Arcigay Arezzo, iniziativa con l’obiettivo di abbattere stereotipi e omo-transfobia nello sport attraverso una partita amichevole e una conversazione con la giornalista sportiva presso il Corriere di Arezzo Francesca Muzzi, autrice del libro “Giochiamo anche noi. L’Italia del calcio gay.”

Fischio d’inizio dato dalla Sindaca di Civitella in Val di Chiana Ginetta Menchetti che ha ricordato l’impegno dell’amministrazione contro le discriminazioni rappresentato anche dall’adesione alla Rete nazionale READY, e la presidentessa di Chimera Arcobaleno Veronica Vasarri.

Le squadre, del tutto amatoriali, che sono scese in campo sono state:

BorgoRosso, composta da cittadini e cittadine di Civitella, tra cui la stessa Sindaca, due Assessori comunali, esponenti di associazioni e rappresentanti politici locali.

Omphalos Goal

Omphalos Goal, squadra LGBT-friendly comporta da attivisti ed attiviste dell’associazione Omphalos Perugia comitato Arcigay che ha attivo al suo interno un gruppo sport nei settori del volley, calcio e nuoto. Francesco Parente, referente della squadra spiega che è nato con l’intento di rendere lo sport accessibile a tutte e tutti, senza distinzione di genere, identità di genere e orientamento sessuale e che pertanto organizza corsi di pallavolo, calcio e nuoto aperti a tutt*.

In campo, infatti, sono scese squadre completamente miste per genere, età, orientamenti sessuali e identità di genere, senza alcuna distinzione, nel pieno spirito dell’amicizia e dell’inclusione.

Il risultato finale è stato BorgoRosso 2 – Omphalos Goal 5, si segnala anche l’infortunio in campo proprio della Sindaca.

L’evento è stata anche un’anticipazione del Play Pride – lo sport per i diritti – l’evento che prevede tornei lbgt e gayfriendly in varie discipline (nelle 6 edizioni precedenti: calcio a 5, rugby, volley e tennis) organizzato da Arcigay Arezzo insieme al Comitato UISP di Arezzo.

Nel 2019 l’appuntamento è per Domenica 26 maggio con un torneo di volley misto, su più livelli, che si giocherà presso la palestra Mecenate di Arezzo per l’intera giornata e vedrà sfidarsi oltre 10 squadre provenienti dalla Toscana (Arezzo, Firenze, Siena) e anche oltre (Perugia e Bologna), con la collaborazione del Comitato FIPAV Etruria.

L’iniziativa fa anche parte del calendario di eventi “aspettando il Toscana Pride 2019” del 6 luglio a Pisa.

chimerarcobaleno.org