Mia 2018 Alessandro Leorin

Sabato scorso, 10 novembre a Perugia, si è svolto l’Oscar della rete ai migliori siti tematici italiani ovvero i Macchianera Internet Awards 2018.  34 i vincitori della 13° edizione dei MIA, Alessandro Leorin ha vinto il premio con la tematica LGBT arrivando davanti a tutti i finalisti tra cui diversi professionisti del settore editoriale.

Leorin si è visto assegnare il premio alla pari di Chiara Ferragni a Roberto Burioni, da Salvatore Aranzulla a Selvaggia Lucarelli fino a Sofia Viscardi. Nato nel 1975, padovano doc, da circa 25 anni coltiva la passione per l’informatica e il web, nel 2012 ha fatto nascere il progetto lgbtitalia.it e dopo diversi piazzamenti 3° – 4° posto quest’anno ha raggiunto la vetta.

“Sono stato invitato a Perugia come finalista, proprio non me l’aspettavo di portare a casa il MIA, una sorpresa davvero. Tra le varie cose ho dovuto far digerire la notizia che dietro le quinte del progetto lgbtitalia.it c’è una persona etero, diciamo che, all’inaspettata notizia, ho visto visi increduli e questo mi ha molto divertito”.

lgbtitalia.it nasce con la filosofia del rugby, sport che ho praticato a lungo, in sostanza ci sono due squadre: una composta dalle persone lgbt e l’altra da chi non accetta l’esistenza di queste persone. Beh, credo che un minimo di cultura in più possa giovare a tutti anche chi arriva a commettere reati penali derivati da forme di violenza contro le persone lgbt. Io stesso, essendo un gayfriendly, vengo visto come una specie di marziano talvolta anche ridicolizzato con ironia da quattro soldi. Bene, allora significa che sono sulla strada giusta poichè sto dalla parte giusta”.

“Questo premio lo dedico a Mescool Network un gruppo di persone che da subito hanno fatto entrare in famiglia il progetto supportandolo sempre”.