Con questo articolo vogliamo sfatare alcuni luoghi comuni più diffusi sul nuoto sincronizzato maschile e sulla reale possibilità di poterlo praticare per degli uomini. Se stai pensando di unirti alla squadra, ma hai paura di fare una scelta inopportuna, leggi quanto segue...

Partiamo da un presupposto: il nostro riferimento non sono le squadre perfette e perfettamente omologate che si vedono alle olimpiadi. Non cerchiamo atleti tutti identici tra di loro. Cerchiamo la chiave dell’espressività nella varietà.

Per noi l’alternativa al sincro agonistico femminile ufficiale, non è una squadra di soli maschi. Ma è una squadra in cui maschi e femmine insieme raggiungono vette espressive inimmaginabili, come nel pattinaggio artistico. E allo stesso modo l’espressività si può trovare quando in acqua ci sono persone di ogni altezza, di ogni età, di ogni fisicità o colore. Le differenze per noi sono uno stimolo, non un problema.

7 LUOGHI COMUNI SUL SINCRO DA SFATARE

Per fare nuoto sincronizzato occorre essere ottimi nuotatori
FALSO: basta sentirsi a proprio agio nell'acqua. Nuoto e nuoto sincronizzato richiedono movimenti del tutto differenti, a volte totalmente opposti.

Basta avere un filo di pancia per impedire buone performance e rovinare l'estetica
FALSO: in acqua la forza di gravità è neutralizzata e anche i pesi massimi, se hanno agilità ed energia, hanno uno stile accattivante e raggiungono ottime performance

Solo da giovani si può praticare il sincro, poi è troppo tardi
FALSO: SyncDifferent è una squadra amatoriale, aperta a persone maggiorenni di tutte le età. Solo nell'agonismo è necessario essere giovanissimi.

Il nuoto sincronizzato è uno sport solo per bianchi, il colore della pelle deve essere uniforme per necessità estetiche e coregrafiche
FALSO: Nella nostra squadra superiamo il limite dell'uniformità, e sperimentiamo e valorizziamo infinite "sfumature" coreografiche ed estetiche

Se si è fuori forma non si può cominciare a fare questo sport
FALSO: Avere una discreta forma fisica sarà importante al momento delle gare, a fine anno. 9 mesi sono sufficienti per ottenerla con gradualità e in modo "sostenibile".

Alcuni movimenti (come stare a testa in giù) non sono alla portata di tutti
FALSO: A meno di specifiche patologie, ogni movimento del sincro può essere appreso, con gradualità, da tutti.

Il nuoto sincronizzato maschile non esiste, è uno sport solo per donne
FALSO: Il regolamento italiano prevede ufficialmente la partecipazione degli uomini sia a livello agonistico sia amatoriale. Solo a livello internazionale la questione del genere è ancora da superare.

Il nuoto sincronizzato maschile in realtà è uno sport gay
FALSO: Senza dubbio SyncDifferent e Gruppo Pesce sono orgogliosamente impegnati per favorire la visibilità di gay e lesbiche nello sport. Sono aspetti sociali e culturali importanti che ruotano intorno alla pratica sportiva. L'orientamento sessuale ovviamente non ha nessun valore al momento della performance e degli allenamenti. Lì, conta solo la passione.

Per info visita il sito syncdifferent.it